Primo piano

Disagi insostenibili per la stazione di Santa Palomba

Continuano ad essere insostenibili i disagi generati dalla grave situazione in cui versa la stazione di Santa Palomba. I lavoratori pendolari ed i viaggiatori costretti a percorrere quella tratta ferroviaria, da sempre super affollata e strutturalmente ...

Leggi tutto...

Un appello e una grande manifestazione per difendere il lavoro e la democrazia

“Uno schiaffo alla democrazia”, così la CGIL ha definito il decreto correttivo dei conti pubblici, la cosiddetta manovrina, che di fatto reintrodurrebbe i ...

Leggi tutto...

MORE_IN: Primo piano

Sportello donna PDF Stampa E-mail

Sportello donna è un luogo a disposizione delle donne lavoratrici pensionate o disoccupate per offrire informazioni, consulenze, consigli su:

  • Diritto alla maternità ed alla paternità consapevole
  • Diritti della persona (violenze, molestie)
  • Diritto alle pari opportunità
  • Diritti ai servizi (mappa dei servizi, problemi di accesso alle prestazioni)



Sportello donna intende fornire alle delegate, alle strutture sindacali di base, alle lavoratrici, a chi sta lavorando in modo precario o irregolare un supporto; relativamente all’applicazione della normativa contrattuale che attiene alla condizione femminile: accesso al lavoro, discriminazioni, azioni positive, maternità, congedi parentali, orario di lavoro, salute e sicurezza, molestie sessuali, formazione, imprenditoria femminile. Lo sportello si pone l’obiettivo di affermare il valore del lavoro delle donne, il rispetto e l’estensione dei loro diritti, sostenendole nella individuazione delle soluzioni più adatte rispetto alla specificità del doppio ruolo nel mondo del lavoro e nella famiglia. Lo sportello intende creare una rete di relazioni con le associazioni di donne, del volontariato o gruppi operanti nei quartieri e nei comuni del territorio della Cgil.

Documenti e leggi

 

  • Legge della regione Lazio n. 10/2002
  • L.R. 24 Dicembre 2003, n. 42
  • Disegno di Legge sulla procreazione assistita N. 1514
  • DECRETO LEGISLATIVO 31 luglio 2003, n.226 - Trasformazione della Commissione nazionale per la parità in Commissione per le pari opportunità tra uomo e donna
  • Legge 216 2003 - Disposizioni contro la discriminazione
  • Assegno maternità
  • Prestazioni di maternità - per alcune categorie di lavoratori autonomi
  • Legge 8 marzo 2000 n. 53 - Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità
  • Decreto Legislativo 23 aprile 2003, n. 115 - Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e di sostegno della maternità e della paternità
  • Legge n. 1204 del 30.12.1971 - Tutela delle lavoratrici madri
  • Gravidanza - La lavoratrice incinta non è obbligata a dirlo al datore di lavoro
  • Legge n. 7 del 09.01.1963 - Divieto di licenziamento per causa di matrimonio
  • Legge n. 903 del 09.12.1977 e successive pronunce della C.C. - Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro
  • Legge n. 66 del 15.02.1996 - Norme contro la violenza sessuale
  • La lavoratrice che abbia subito una discriminazione per sesso ha diritto di ottenere la condanna dell'azienda...
  • Legge n. 125 del 10.04.1991 - Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro
  • COLF occupate con lavoro temporaneo - INPS CIRC. N° 89 DEL 09/05/2002
  • MICRO ASILI E NIDI NEI LUOGHI DI LAVORO - Definibili delle spese di gestione
  • Assegni di mantenimento per le donne separate - Non può essere ridotto se si inizia una convivenza
  • Straordinari anche alla tata - Sentenza n° 13622/2001
  • Legge 194 del 22 maggio 1978 - Norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione della gravidanza